Index Home Il Club News Link Bollettini Rotary Azioni Area Soci


rotary 2004-2005 Il Rotary International è nato il 23 febbraio 1905. Durante l'anno rotariano 2004/2005 si sono quindi svolti i festeggiamenti per celebrare il centenario.
Tra le iniziative del Distretto 2040 il Governatore 2004-2005 Elio Cerini ha voluto indire un concorso che coinvolgesse le scuole d'arte del Distretto.
100 years



"Il Rotary e i giovani: cento anni di successi"
la rappresentazione di cento anni di servizio,
interpretata dalle nuove generazioni,
per ispirare i prossimi cento anni di successi.

Il Rotary nel mondo 1905-1915 1915-1925 1925-1935
Il Rotary nel mondo 1905-1915 1915-1925 1925-1935
1935-1945 1945-1955 1955-1965 1965-1975
1935-1945 1945-1955 1955-1965 1965-1975
1975-1985 1985-1995 1995-2005 Il futuro
1975-1985 1985-1995 1995-2005 Il futuro

Le immagini sono tratte dal catalogo del concorso, pubblicato a cura del Distretto 2040.
Tutti i diritti sono ceduti dagli autori al Rotary International - Distretto 2040, il quale garantisce che ad ogni pubblicazione delle opere verranno citati i nomi degli autori e della scuola di appartenenza.


Libretto d’opera
Elio Cerini
Governatore Distretto 2040 Rotary International
(dal catalogo del concorso)

Ci sono eventi, o momenti, ai quali riserviamo tanta o poca attenzione, che ci accompagnano per un tempo più o meno lungo, che fanno storia sia per il senso intrinseco che li caratterizza che per il coinvolgimento e la ricaduta che sono in grado di generare.
Il Centenario di fondazione del Rotary, che cade il 23 Febbraio di quest’anno e che si celebra in tutto il mondo, sta senza dubbio facendo storia nel primo senso: porta, infatti, a conoscenza di molti e riporta alla memoria di molti altri, tutti i fatti che hanno segnato i primi cento anni della nostra associazione. L’auspicio è che faccia storia anche per ciò che riuscirà a generare.

I rotariani rileggono la loro storia, recuperano il senso profondo dei valori che costituiscono il patrimonio fondante del loro sodalizio e, con gratitudine, pensano a tutto ciò che i rotariani delle generazioni che li hanno preceduti sono riusciti a fare. Chi è immerso con maggior impegno in questo esercizio afferma persino di riscoprire (o di scoprire!) il Rotary solo ora e insiste sulla opportunità che l’incanto di questa riscoperta venga comunicato al mondo.

Come valorizzare appieno questa esperienza? Come celebrare, quindi, il Rotary, nei nostri Club, nel duplice impegno della riscoperta e del desiderio di comunicarla? Come far comprendere che l’impegno di “servire al di sopra di ogni interesse personale”, motore dei primi cento anni di indiscutibili successi del Rotary, sintetizza più e meglio di qualsiasi altra espressione la dimensione caratterizzante l’appartenenza di tutti i rotariani al sodalizio? Come accogliere lo stupore di chi rotariano non è, nel sentirci affermare con forza che “chi riceve di più è colui che ha meglio servito”, testimoniando con il nostro comportamento il senso proprio di ogni nostro intervento? Come invitare tutti al compleanno del Rotary, incluso quella parte di società civile che ha spesso beneficiato della sua attenzione, ma che, altrettanto spesso, ne ha criticato natura e comportamenti?

Le probabilità di successo della comunicazione verso l’esterno del valore della nostra associazione e del suo impegno al servizio dell’umanità dipendono dalla credibilità dei testimoni, dalla identificazione e attivazione dei giusti veicoli, dalla semplicità e chiarezza dei messaggi trasferiti, ma, soprattutto dalla buona volontà a lasciarsi coinvolgere dall’interlocutore.

Se questa dimensione non fosse stata individuata, certo questa pubblicazione non farebbe motivo di discussione. Credo invece che qui, non solo l’obiettivo sia stato chiaramente individuato, ma molto probabilmente pure raggiunto, con il beneficio di giudizio ai critici di questa ‘fatica’.

La Commissione Distrettuale dei Programmi per le nuove generazioni ha voluto coinvolgere i giovani già immersi nella realtà rotariana, per raggiungere quelli assolutamente ignari persino della sua esistenza e farli lavorare insieme. Il modo   stato questo. La sostanza: l’inscindibile parallelismo tra il fiume della storia e la storia del Rotary.

I giovani hanno dato corpo al passato, interpretandolo e traducendolo in termini contemporanei, attraverso la loro espressione artistica.
Hanno appreso dai rotariani, più o meno giovani, il senso dell’evento celebrativo, hanno sviluppato la propria criticità, immaginato gli eventi e le situazioni, la storia e le storie, il passato e il futuro.
E di tutto questo hanno fatto ciò che potete ammirare nelle pagine di questa pubblicazione. Un nuovo patrimonio della tradizione rotariana, in chiave artistica, fatto di nomi, di eventi, di operazioni umanitarie, di interventi educativi, di promozione, dialogo, condivisione, solidarietà, di cultura della pace: in una parola, di servizio.

Dal modo e dalla sostanza, sono scaturite vere opere d’arte; un biglietto d’auguri di buon compleanno al Rotary, perché ne tragga motivo di riflessione e di incoraggiamento a continuare a vivere e diffondere il suo messaggio di servizio nel futuro.
Le opere d’arte che i giovani ci hanno offerto saranno in mostra, in numerose occasioni, nel corso di tutto il 2005.

L’auspicio è che questo compleanno rappresenti davvero, come i giovani ce lo hanno voluto proporre, un nuovo punto di partenza verso “…ancora cento anni di successi”, più che il punto d’arrivo dei “cento anni di servizio…” che certamente non sono finiti qui.

L’impegno del Rotary nella formazione di generazioni consapevoli e avvedute, in grado di anticipare le aspirazioni e le sfide di un mondo in rapida evoluzione è sempre stato uno dei punti fermi del suo agire. Per questo ha adottato e affinato strumenti e occasioni formative che la dimensione internazionale ha arricchito di ineguagliabili peculiarità, apprezzate per originalità, stile e modalità di intervento, ma soprattutto per la continuità, ormai consolidata in anni di esperienza.

I programmi per le nuove generazioni costituiscono per il Rotary il fiore all’occhiello di una filosofia di vita che non conosce confini, perché condivisa dalle popolazioni di tutti i paesi dove il Rotary è presente e opera; non conosce ostacoli, perché la forza dell’ideale e la concretezza dell’azione fondono sensibilità e pragmatismo; è l’eredità morale che generazioni di rotariani hanno saputo custodire e trasmettere. E tutto trova felice compendio in quella rotellina che ogni rotariano porta con fierezza; piccola e, a cent’anni, forte e importante parte riconosciuta ed apprezzata del complesso ingranaggio di realtà che fanno girare il mondo.





Giuria del Concorso
Presidente: Elio Cerini
Segretario: Vittorio Amigoni
Membri: Enrico Cavallini
Alberto Ceppi
Franco Cheli
Bruno Gandola
Simone Gandola

Hanno collaborato al progetto
(in ordine alfabetico)
Amigoni Vittorio R.C. Merate Brianza Manera Armando R.C. Meda Delle Brughiere
Pres. Progr. Nuove Generazioni Marelli Enrico R.C. Cantù
Arpinati Annamaria R.C. Milano International Milanesi Marco
R.C. Bollate Nirone
Bissanti Andrea R.C. Milano Ovest P.D.G. A.G. gruppo Visconteo
Bottari Elena Rotaract Merate e Colli Briantei Noris Raffaele
Rotaract Bergamo Città Alta
Brenna Ruggero R.C. Milano Duomo Presidente
A.G. gruppo Milano 4 Oddi Andrea
R.C. Milano Sud Ovest
Cavallini Enrico R.C. Varedo e del Seveso A.G. gruppo Milano 3
Ceppi Alberto R.C. Sesto Milium Centenario Oggioni Giorgio
R.C. Lecco
Presidente A.G. gruppo Adda
Cerini Elio R.C. Milano Duomo Origgi Marina
Rotaract MI Castello
Governatore Distretto 2040 Presidente
Cheli Franco  R.C. Milano Europa Paci Elisa
Rotaract Brianza Nord
Clerici Sandro
R.C. Meda delle Brughiere Presidente
A.G. gruppo Brianza Nord Pernice Andrea Rotaract Mi Castello P.R.D.
Corti Elena
Rotaract Dei Parchi Rubino Ruggero Rotaract Mi Sud Ovest
Presidente Rappresentante Distrettuale 2004
Della Morte Alessandro
Rotaract Mi Porta Vittoria Santi Francesco R.C. Milano Sud Ovest
Presidente Santoro Elena
Rotaract San Babila
Di Guglielmo Eugenia R.C. Merate Brianza Presidente
Ferrari Daniele R.C. Milano Nord Scarioni Dino
R.C. Treviglio della Pian. Berg.
Gandola Bruno R.C. Milano Europa A.G. gruppo Orobico
Gandola Simone Rotaract Mi Visconteo Schiraldi Alberto R.C. Milano Europa
Lanza Ugo
R.C. Milano Fiera Sindoni Francesco R.C. Merate Brianza
A.G. gruppo Milano 1 Solari Marco R.C. Bergamo Città Alta
Locatelli Andrea
Rotaract Bergamo Pizzagalli Rita R.C. Milano Giardini
Presidente Veggetti Roberto  Rotaract Brianza Nord
Magenta Guido
R.C. Milano Castello
Segretario Distrettuale

 
Si ringrazia, inoltre, per la partecipazione:
Accademia di Belle Arti di Brera, Milano

Hanno partecipato al concorso:
Istrati Lilian, Romanyshyn Stepan, Poletti Ermanno
Professore: Bruno Gandola




Rotary Club Sesto Milium - Centenario
Distretto 2040




Document made with Nvu